hacker

Hackeraggio e riscatto. Come prevenire.

C

ome da titolo vogliamo consigliarvi come prevenire ciò che si definisce un cryptolocke, cioè un attacco hacker con furto di dati e richiesta di riscatto. Ad oggi non è possibile garantire la sicurezza informatica della maggior parte di siti web e software gestionali, perché il costo di un team di esperti in sicurezza informatica costante avrebbe dei costi troppo elevati da sostenere per la maggior parte delle attività. In questi ultimi mesi abbiamo ricevuto molteplici chiamate per consulenze su questa questione molto delicata e pertanto abbiamo deciso di scrivere poche righe su come prevenire il problema per le piccole e medie imprese. In pratica, gruppi criminali, per la maggior parte provenienti da paesi dell’est Europa si infiltrano nei computer attraverso l’utilizzo delle email o di software già installati con forti carenze in termini di sicurezza, sequestrando letteralmente tutti i file presenti nel programma o direttamente dell’intero sistema. Le richieste di riscatto vanno solitamente dai 500 ai 10.000€, dipende dalla valutazione dell’azienda che questi signori fanno. Il nostro consiglio è di prevenire il problema perché per la risoluzione una volta attuato l’hackeraggio dipende da caso a caso ma generalmente è preferibile rivolgersi ad aziende professionali del settore della sicurezza informatica anche se i costi per tali operazioni sono comunque alti. Il nostro consiglio è semplice, munirsi di 2 hard disk esterni con alte capacità e di ottima qualità su cui effettuare backup periodici (dipende dall’utilizzo del programma se quotidiano o settimanale) dei propri file, ricordando quindi di copiare da un hard disk all’altro e di staccare dal computer uno dei due o entrambi una volta finita l’operazione di backup (per evitare che si infetti anche il device sterno). Questo perché una volta che il sito web, il computer o il software sono stati compromessi si potranno formattare e ripristinare i backup senza alcuna perdita. È preferibile l’utilizzo di computer Apple non perché siano immuni al problema ma sicuramente possiedono una probabilità di rischio inferiore rispetto ad un prodotto differente. Ovviamente prevenirsi avrà un costo, in alcuni casi (dipende dalla quantità di dati dell’azienda) molto alto ma sicuramente è la soluzione migliore poiché una volta criptati i file e rilasciati non c’è alcuna garanzia che il problema non si ripresenti (gli hacker inseriscono in ciascun file una serie di codici o comandi per poter rientrare di nuovo nei vostri sistemi ed è quindi obbligatorio per la propria sicurezza far ripulire totalmente tutti i file compromessi). Ma il problema più grande è che queste società criminali potranno visualizzare i vostri dati sensibili e venire a conoscenza di tutto ciò che vogliono quindi anche una volta risolto il problema si è comunque prede facili. La nostra agenzia può solo consigliarvi come organizzare al meglio i vostri dati ma non si occupa di ripristino una volta hackerato il sistema.

Se gradite ricevere una consulenza gratuita non esitate a contattarci!